Sito Ufficiale
Home Page   |    Contatti
Photogallery
Video Gallery
Nessun video presente
Vuoi essere sempre aggiornato su news, eventi ed iniziative? Aderisci alla Newsletter.
Iscriviti ora

Comunicati Stampa » Dettaglio

07/02/2012

Giudici di Pace - Ria presenta gli emendamenti al d.l. 212/2011 attualmente all'esame della Commissione Giustizia

L'On. Lorenzo Ria, congiuntamente al collega Rao, in occasione dell'esame ai fini della conversione in legge del d.l. 212/2011 recante "disposizioni urgenti in materia di composizione delle crisi da sovraindebitamento e disciplina del processo civile", ha riproposto in Commissione Giustizia - sotto forma di emendamenti all'art. 15 - i contenuti della sua proposta di legge (n. 4797 del 24 novembre 2011) sulla magistratura onoraria. Ciò con lo scopo di accelerare - attraverso la decretazione d'urgenza - la risoluzione degli annosi problemi riguardanti la categoria, ferma restando la riconosciuta necessità di riformare in senso organico e sistematico l'intera materia.   

Di seguito il testo degli emendamenti presentati: 

A) (Ruolo organico della magistratura di pace)
1. All’articolo 3 della legge 21 novembre 1991, n. 374, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modifiche:
a) il ruolo organico dei magistrati addetti agli uffici del giudice di pace è fissato in 3200 posti.
b) La pianta organica degli uffici del Giudice di Pace è determinata con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro della Giustizia, sentito il parere del Consiglio Superiore della Magistratura.
c) Il servizio prestato nelle funzioni di magistrato di pace, anche antecedentemente all’entrata in vigore della presente legge, è equiparato al servizio prestato dai dipendenti di ruolo delle pubbliche amministrazioni ai fini dell’ammissione ai concorsi per l’accesso alla dirigenza pubblica e alle magistrature amministrative e contabili.

B) (Durata dell’ufficio e conferma del giudice di pace)
1. all’articolo 7 della legge 21 novembre 1991, n. 374, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modifiche:
a) alla scadenza del terzo quadriennio di servizio ovvero alla scadenza della proroga concessa dalla l. n. 10 del 2011, i giudici di pace in servizio, che abbiano ottenuto l’esito positivo del giudizio di idoneità di cui al comma 2-bis, vengono rinnovati nell’incarico per ulteriori tre mandati della durata di quattro anni ciascuno. Resta salva la cessazione dalle funzioni al settantacinquesimo anno di età.

sabato 29
FEBBRAIO 2020
ORE 00.08
Agenda Appuntamenti FEB 2020
Vedi Altri »
Interventi FEB 2020
sabato 26 gennaio 2013
Sintesi del lavoro svolto in Parlamento e sul territorio dall'On. Lorenzo Ria durante la XVI Legislatura
mercoledì 28 novembre 2012
ENORMI BENEFICI DAL TRAMONTO DEI CAMPANILI
giovedì 13 settembre 2012
Domande poste al Ministro della Giustizia Prof. Avv. Paola Severino Di Benedetto
Vedi Altri »