Sito Ufficiale
Home Page   |    Contatti
Photogallery
Video Gallery
Nessun video presente
Vuoi essere sempre aggiornato su news, eventi ed iniziative? Aderisci alla Newsletter.
Iscriviti ora

Interventi » Dettaglio

13/09/2012

Domande poste al Ministro della Giustizia Prof. Avv. Paola Severino Di Benedetto

Premesso che:

la distribuzione degli Uffici Giudiziari sul territorio deve ritenersi fondamentale nel rapporto giustizia, territorio, cittadino e non può essere attuata senza tenere in considerazione tutto il complesso di criteri, peraltro, già contemplati dalla legge delega;

qualsiasi revisione della Geografia Giudiziaria, non può prescindere dal garantire il diritto dei cittadini ad una giustizia realmente accessibile, da ritenersi bisogno primario della collettività, e deve essere finalizzata a ridistribuire in misura proporzionale l’attuale territorio tra gli Uffici già esistenti, così da creare presidi contermini realmente omogenei.

1) Non pensa Lei, Sig. Ministro, che la soppressione di tutte le 220 sezioni distaccate dei Tribunali comporti una effettiva lesione del concreto diritto di accesso materiale alla giustizia da parte dei cittadini?
2) Perché non sono state prese in considerazioni ipotesi alternative di revisione della geografia giudiziaria che mantenessero almeno una sezione distaccata in quei circondari di Tribunale che superino parametri determinati relativi al numero di abitanti e all’estensione territoriale?
3) Per valorizzare i criteri già indicati dal Governo si sarebbe potuto, come proposto nel corso dell’esame del provvedimento, prevedere almeno una sezione distaccata in quei circondari che superino il valore soglia della popolazione media di 363.769 abitanti nonché, congiuntamente, il parametro dell’estensione territoriale superiore a 2.169 Kmq: Lei, Sig. Ministro, ritiene che attualmente alcuna delle sezioni distaccate esistenti svolga una funzione giudiziaria utile e necessaria anche, e soprattutto, in relazione alle esigenze dei cittadini?
4) Possibile, Sig. Ministro, che delle 220 sezioni distaccate attualmente esistenti, nessuna rientri nell’ambito dei parametri indicati dalla legge delega, tanto che si giungerà alla loro definitiva soppressione tout court?
5) Ho personalmente presentato un progetto che, sulla base di parametri demografici che tenessero conto, simultaneamente, del numero di abitanti e dell’estensione del territorio, proponeva il mantenimento in alcuni circondari di Tribunale particolarmente ampi e carichi di lavoro, il mantenimento di almeno una sezione distaccata con annesso ufficio del Giudice di Pace: non pensa che, nella provincia di Lecce, ad esempio, una distanza di quasi 90 km dal capoluogo sia, per il cittadino, eccessiva e ostativa all’accesso alla giustizia? Non pensa che tali distanze siano ancor più eccessive se consideriamo la competenza del Giudice di Pace, i cui uffici sono stati soppressi esattamente in parallelo alla soppressione delle sezioni distaccate?
6) Quanto all’efficienza e al risparmio di spesa, si è posto, Sig. Ministro, il problema dei costi di trasferimento del personale e delle strutture dalle attuali sezioni distaccate alle sedi centrali? Molti degli stabili attualmente occupati dalle sezioni distaccate dei Tribunali sono pubblici e non richiedono spese di locazione, mentre il trasferimento comporterà al contempo nuove spese per lo stato e maggiori oneri dati dal fatto che strutture attualmente efficienti resteranno inutilizzate;
7) Lei, Sig. Ministro, all’esito della riforma, ritiene che abbiamo restituito al Paese una geografia giudiziaria omogenea? Lei, ritiene che il territorio nazionale sia stato effettivamente considerato per la sua specificità, analizzando le singole situazioni territoriali di modo che a uguale porzione di territorio corrisponda uguale distribuzione di presidi giudiziari? Le pare, Sig, Ministro, che possano essere equiparati circondari di Tribunale come ad esempio Napoli Nord, con estensione territoriale pari a 225 kmq e 680.618 abitanti, e Verona, con un’estensione di 2.278 kmq e 746.204 abitanti? Oppure Lei ritiene, Sig. Ministro che si possano equiparare, quanto a soppressione delle sezioni distaccate e degli uffici del Giudice di Pace il Tribunale di Busto Arsizio (821 kmq e 981.306 abitanti) e il Tribunale di Bari (3.309 kmq e 1.086.707 abitanti)? O, ancora, Lei ritiene che si possano equiparare il Tribunale di Potenza (3.261 kmq e 203.675 abitanti) e il Tribunale di Lecce (2.759 kmq e 803.554 abitanti)? Immagino, dall’approvazione del provvedimento sulla geografia giudiziaria che lei ritenga di si!
 

lunedì 11
DICEMBRE 2017
ORE 02.36
Agenda Appuntamenti DIC 2017
Vedi Altri »
Interventi DIC 2017
sabato 26 gennaio 2013
Sintesi del lavoro svolto in Parlamento e sul territorio dall'On. Lorenzo Ria durante la XVI Legislatura
mercoledì 28 novembre 2012
ENORMI BENEFICI DAL TRAMONTO DEI CAMPANILI
giovedì 13 settembre 2012
Domande poste al Ministro della Giustizia Prof. Avv. Paola Severino Di Benedetto
Vedi Altri »